Il declino della civiltà europea - N.Berdjaev

E' il 1923, il filosofo russo Berdjaev espone le sue preoccupazioni sul futuro dell'Europa:

- Sembra oggi che le antiche e secolari fondamenta del mondo europeo stiano cedendo. Tutto quanto, in Europa, pareva reso stabile dall'abitudine barcolla. In nessun luogo, e a nessun riguardo, si sente più la terra ferma sotto i piedi: il suolo è vulcanico, e ogni eruzione è possibile, tanto nell'ordine materiale quanto in quello spirituale. (...)

Bisognava essere proprio miopi per non vedere che la civiltà europea era sull’orlo di una crisi che avrebbe avuto un’importanza storica mondiale e le cui conseguenze si sarebbero perdute in un avvenire lontano e indeterminabile. Bisognava essere ingenui e superficiali per immaginare che si sarebbe potuto padroneggiare, con strumenti materiali, questo vertiginoso movimento di devastazione, in balìa del quale si trova il nostro vecchio mondo peccatore, e tornare, con piccoli aggiustamenti, alla vita passata, precedente la guerra e la rivoluzione russa. Stiamo entrando nel regno dell’ignoto e dell’inesplorato, e vi entriamo senza gioia, senza radiose speranze. L’avvenire è cupo. Non possiamo più credere alle teorie del progresso, che hanno sedotto il diciannovesimo secolo e in virtù delle quali il futuro prossimo dovrebbe sempre essere migliore, più bello, più gradevole del passato che se ne va. Siamo piuttosto inclini a ritenere che il migliore, il più bello, il più gradevole si trovino non nell’avvenire ma nell’eternità, e che così fosse anche in passato, nella misura in cui il passato era in comunione con l’eterno e sapeva suscitare valori eterni.
Resta da spiegare questa crisi della civiltà europea, da tempo aperta nei più diversi campi e che oggi tocca il culmine delle sue manifestazioni.(…)

L’umanesimo non ha rafforzato l’uomo, lo ha debilitato. Questa è la paradossale conclusione della storia moderna. Attraverso la propria autoaffermazione, l’uomo si è perduto invece di trovarsi. (…)

La nostra è un’epoca di decadenza spirituale, non di rinascita. A noi non è dato ripetere le parole che pronunciava Ulrich Hutten: «Gli spiriti si sono risvegliati. Come è bello vivere!» La storia moderna è un’impresa che ha fallito, che non è riuscita a glorificare l’uomo, come lasciava sperare. Le promesse dell’umanesimo non sono state mantenute. L’uomo è terribilmente stanco ed è pronto ad appoggiarsi su qualunque tipo di collettivismo, dentro il quale la sua individualità sia definitivamente destinata a sparire. L’uomo non riesce più a sopportare la propria solitudine. -


Fonte: tratto da “Nuovo Medioevo” di N.Berdjaev (ed.Fazi)